Shady...

Shady Hasbun un melting pot di sapori e di saperi...

Firenze, con la sua cultura e la sua arte che ne fanno la culla del Rinascimento. La Palestina, con i suoi mille suoni, colori e profumi. La Maremma, con le sue colline che degradano dolcemente verso il mare. Arezzo, con la sua orgogliosa tradizione gastronomica. Tutte queste terre scorrono nel sangue di Shady Hasbun dando vita ad melting pot di sapori e di saperi che spazia dalla Toscana al Medio-Oriente.

 

Le Origini

L'infanzia tra Firenze e Betlemme

La sintesi tra oriente e occidente è espressa già dalla famiglia, dalla mamma grossetana Alessandra e dal babbo palestinese Taisir. Nel 1980 erano a Firenze ed è proprio qui che nasce Shady. Dopo due anni nel capoluogo toscano, la famiglia si trasferisce in Palestina, una terra travagliata ma ricca di storia e di spiritualità, dove cresce tra colori delle spezie, aromi orientali e musiche di liuti. Ed è qui che Shady osserva l'incontro tra due culture gastronomiche tanto diverse: quella della mamma che non dimentica i suoi piatti tipici toscani e quella della nonna paterna che con passione prepara squisite pietanze mediorientali facendosi aiutare proprio dalle mani del suo nipotino.

Sulle colline della Maremma

A undici anni ecco il ritorno in Toscana nella maremmana Massa Marittima, la terra della mamma. Per Shady è tempo di andare a scuola e di meritare il diploma con il massimo dei voti all'Istituto Tecnico per i Servizi Turistici a Grosseto. Per l'università asseconda invece la sua passione per l'arte e per la storia, scegliendo di frequentare la facoltà di Scienze dei Beni Culturali di Pisa: tra gli studi accademici e la vita lontana da casa, è in questi anni che Shady capisce la direzione verso cui orientare la propria vita professionale.

 

Ieri

Un hobby che diventa un lavoro

L'amore per la cucina ha sempre accompagnato Shady e, durante gli anni a Pisa, inizia a concretizzarsi. Dalle cene organizzate per gli amici alle prime collaborazioni semi-professionali con ristoranti e agriturismi, questo intraprendente ragazzo si contraddistingue per la sua capacità di sperimentare piatti nuovi e per l'accostamento, fino a quel momento inedito, di sapori toscani e sapori mediterranei. Dopo il conseguimento della laurea, Shady torna per un anno a Massa Marittima e qui approfondisce le sue conoscenze sul vino e sui prodotti tipici di quella terra, vivendo la sua prima esperienza lavorativa presso l'enoteca "Il Bacchino".

L'arrivo ad Arezzo

Il migrare di Shady conosce un altro trasferimento, questa volta ad Arezzo. Qui decide di trasformare in attività professionale quella che fino ad allora era stata una passione e di investire sul proprio futuro da cuoco, dunque inizia a frequentare corsi professionalizzanti legati alla ristorazione. Dopo un primo periodo di stage, la curiosità e la voglia di imparare continuano a crescere, dunque collabora con i cuochi aretini di numerosi ristoranti e ne apprende le tecniche e le metodologie di lavoro.

Le Rotte Ghiotte, il ristorante che non c'era

Il percorso professionale di Shady si concretizza in un ristorante che coniuga la sua doppia identità palestinese e toscana, con l'ambizione di proporre piatti che abbracciano l'intero arco del Mediterraneo. Nel 2011 avvia così l'esperienza de Le Rotte Ghiotte, un locale unico nel suo genere in cui il cibo è lo strumento per accompagnare in un viaggio tra terre sconosciute e lontane, passando dai tradizionali crostini neri ai tortelli maremmani, dalla paella spagnola all'hommos e ai falafel mediorientali, dal souvlaki greco al cous cous e al tajin magrebini, e molto altro ancora. Il ristorante diventa un punto di riferimento per chi ricerca buon cibo ed esperienze sensoriali tra sapori sempre nuovi, vivendo sei anni di successi e di apprezzamenti fino alla chiusura nel 2017 quando Shady decise di intraprendere nuove rotte e di dedicarsi prevalentemente alla formazione e all'insegnamento.

 

Oggi

Shady, uno chef mediatico

La capacità di coniugare culture diverse, le competenze gastronomiche e la simpatia hanno reso Shady come lo chef più mediatico di Arezzo. Nel corso degli anni collabora con la rete televisiva Teletruria e, dall'amicizia stretta con Alex Revelli Sorini e con Susanna Cutini, nasce la collana di libri dei "Tacuinum" di cui cura le parti relative alle ricette. Nel frattempo diventa uno degli chef di riferimento di RaiUno che lo invita come esperto di cucina a "La prova del cuoco" di Antonella Clerici, "A conti fatti", "Tempo e denaro", "Mezzogiorno italiano", "Occhio alla spesa", “Buono a sapersi” e "Uno mattina". Molti di questi programmi sono condotti da Elisa Isoardi che, riconoscendo in Shady un maestro di buona cucina, lo chiama spesso nelle sue trasmissioni: la definitiva consacrazione è arrivata per la stagione 2018/2019, con l’inserimento nello staff de “La prova del cuoco” per tenere rubriche dedicate ai vari argomenti e partecipare alla celebre sfida finale.

Dalla cucina ai banchi

La buona cucina nasce da un quotidiano studio di cibi e sapori. Chef Shady è sempre stato bravo a scuola come allievo, ma dopo aver acquisito tanta esperienza ritiene che sia giunto il momento di cambiare ruolo e di farsi docente per rendere una parte di quello che ha ricevuto nel corso del suo percorso di formazione. La sua professionalità è ora messa al servizio anche degli altri e di chi sogna un futuro nella ristorazione, così lavora come professore all'Accademia del Gusto di ConfCommercio, presso gli istituti alberghieri "Camaiti" di Caprese Michelangelo e "Vegni-Capezzine" di Cortona, e in tante altre strutture accreditate statali e private.

2016, nasce lo Chef Shady FoodExperience

Chef Shady vive la cucina come un luogo di sperimentazione e di continuo apprendimento. Teoria e pratica sono inscindibili e così avvia una divertente e innovativa scuola di cucina tutta basata sullo scambio di esperienze, impressioni, opinioni e idee. Nel 2012 nasce il progetto del Social Cooking che nel 2016 si trasforma in Chef Shady FoodExperience, un laboratorio di cucina il cui obiettivo è di creare una comunità di appassionati che, a tutte le età, possano apprendere i segreti della buona alimentazione e le ricette del Mediterraneo. Con Shady, la cucina diventa occasione di divertimento, relax e socializzazione in cui ognuno è allievo ma allo stesso tempo docente e portavoce delle proprie esperienze, rendendo così più completo l'apprendimento.

In tour per l'Italia

Il percorso professionale di Shady è impreziosito da importanti collaborazioni come quella con l'Associazione Cuochi di Arezzo e l'Unione Regionale Cuochi Toscani, di cui è consigliere, o quella con l'Accademia Italiana di Gastronomia e Gastrosofia di cui è console del Medio Oriente. Numerose sono anche le sue partecipazioni a iniziative, manifestazioni, dimostrazioni culinarie e cooking show di tutta Italia, in cui è invitato per rappresentare la cucina toscana o mediterranea. Sempre più, inoltre, sono le associazioni che si rivolgono a lui affidandogli il ruolo di direttore artistico nell'organizzazione di festival e rassegne dedicati alla valorizzazione dei prodotti enogastronomici locali. La sua esperienza ha trovato valorizzazione anche a livello internazionale, tenendo un corso di formazione in Palestina per far crescere cuochi locali specializzandi in cucina italiana e capaci di riproporla in futuro nel loro territorio.

 

Extra Food

Maram, dalla cucina alla musica

Non solo cucina. Shady è appassionato di musica e percussioni, dunque realizza un nuovo incontro tra la cultura toscana e quella orientale dando vita con il padre alla fortunata esperienza dei Maram Oriental Ensemble, un complesso che nasce per divulgare e far conoscere i ritmi dell'intero arco del Mediterraneo. Il repertorio dei Maram (parola palindroma che significa "meta") è eterogeneo e propone brani folcloristici, canti popolari, musica classica orientale e suoni dei più grandi compositori arabi, con una selezione che attraversa Tunisia, Egitto, Palestina, Libano, Siria, Iraq e Turchia.

Dopo qualche anno, le percussioni di Shady collaboreranno anche con il noto gruppo aretino dei Kabila.

Chef Shady Hasbun:

youtube: Chef Shady

  • Facebook Social Icon
  • Instagram_App_Large_May2016_200
  • YouTube Social  Icon

©2017 Shady Hasbun All Rights Reserved.